A- A A+
FONDO DI SOLIDARIETÀ COMUNALE: “I COMUNI DEL VENETO PERDONO QUASI 8 MILIONI DI EURO, DIROTTATE LE RISORSE A QUELLI IN DISAVANZO”

statistiche grafici numeri

Il presidente Mario Conte annuncia: già pronta una proposta di Anci Veneto per modificare l’articolo 57 del decreto fiscale sottoscritta da tutti i sindaci

Nella seduta dell’11 dicembre scorso della Conferenza Stato – Città ed autonomie locali sono stati definiti i nuovi criteri di riparto per l’anno 2020 del Fondo di Solidarietà Comunale – FSC. Da un primo confronto realizzato da Anci
Veneto tra i dati 2019 e quelli provvisori del 2020 risulta che:

- I Comuni del Veneto, complessivamente, subiranno una riduzione del fondo pari ad Euro 7.782.958,70;

- 418 Comuni su 563 hanno un saldo negativo rispetto all’anno 2019.

“Dopo i criteri del superamento del turnover che penalizzano pesantemente i Comuni veneti –spiega il presidente di Anci Veneto Mario Conte-, per i virtuosi ed efficienti ora arriva un’altra amara sorpresa dalla legge di bilancio. Infatti con i nuovi criteri del Fondo di Solidarietà Comunale i Comuni della nostra regione perderanno 7 milioni e 782mila euro. È vergognoso togliere queste risorse alle amministrazioni comunali, per darle magari a chi è in disavanzo o ha i bilanci in rosso. Anci Veneto anche su questo fronte darà battaglia perché è inammissibile quello che sta succedendo passo dopo passo si scopre che la legge di bilancio è una penalizzazione continua per sindaci ed i cittadini”.

Il Fondo di Solidarietà Comunale, istituito nel 2013, è lo strumento di perequazione fiscale del comparto comunale. Serve ad assicurare un'equa distribuzione delle risorse ai comuni attraverso la compensazione delle risorse storiche e la perequazione determinata dalla differenza tra fabbisogni standard e capacità fiscale. I nuovi criteri sono stati cambiati, rispetto al 2019, in quanto il decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, cosiddetto decreto fiscale, è intervenuto sulla disciplina del Fondo con l'articolo 57:  la modifica impone di ripartire tra i Comuni delle Regioni a statuto ordinario una quota del fondo del 50 per cento per l'anno 2020 ed è incrementata del 5 per cento annuo per gli anni successivi, sino a raggiungere il valore del 100 per cento a decorrere dal 2030. Il previgente comma 449, lettera c) della legge 232 del 2016, invece, prevedeva per l'anno 2020 una percentuale dell'85 per cento e del 100 per cento a decorrere dal 2021. Inoltre, è stato stabilito che l'ammontare complessivo della capacità fiscale perequabile dei Comuni delle Regioni a statuto ordinario è determinata, per l'anno 2020, in misura pari al 55 per cento dell'ammontare complessivo della capacità fiscale da perequare e che, per gli anni successivi, la suddetta quota è incrementata del 5 per cento annuo sino a raggiungere il valore del 100 per cento a decorrere dal 2029 - mentre la previgente citata lettera c) del comma 449 determinava la suddetta quota al 50 per cento. Dal monitoraggio effettuato da Anci Veneto risulta evidente che tale modifica risulta penalizzante, in modo significativo, per i Comuni del Veneto.

“L’Anci Veneto – continua Conte - ha realizzato immediatamente uno studio per avere un quadro completo della situazione. Da esso emerge che su 563 Comuni sono 418 quelli penalizzati. Dietro questi freddi numeri, solo per fare un esempio, ci sono risorse che mancheranno dai bilanci comunali e che potevano essere utilizzate per scuole, strade, sociale e sicurezza. Purtroppo la legge di bilancio ha fatto trovare sotto l’albero di Natale dei sindaci delle sorprese amare, rimandando negli anni a venire risorse strategiche per gli investimenti. Da qui il nostro giudizio sempre più negativo sulla legge di bilancio”. 

“La nostra Associazione si è già attivata –spiega il presidente- con i propri canali istituzionali con l’obiettivo di modificare i criteri che rappresentano un ulteriore duro colpo a sindaci del Veneto. Faremo sentire la  nostra voce perché non possiamo accettare questa situazione. Infatti abbiamo già pronta una proposta di emendamento sottoscritta da tutti i sindaci del Veneto per modificare l’articolo 57 del decreto fiscale. Questo conferma la nostra volontà di trovare una soluzione equa a una distorsione che rischia di mettere in seria difficoltà le nostre amministrazioni”.

“La legge di bilancio e il decreto fiscale hanno messo in evidenza ancora una volta come la gestione delle risorse da parte dello Stato centrale non riesca a premiare chi ha i conti in ordine. La via maestra per evitare queste distorsioni è l’autonomia di cui i Comuni devono essere il motore. Con la riforma, le risorse sarebbero gestite nei nostri territori e come dimostrano i sindaci del Veneto ogni giorno questo avverrebbe in modo virtuoso ed efficiente”.

In allegato le tabelle con i dati. 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Fondo solidarietà comunale.pdf)Fondo solidarietà comunale.pdf 1113 kB

ANCI VENETO

Presidente: Mario Conte
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


RT @AnciLiguria: ‼️ #Protezionecivile, @comuni_anci in audizione davanti la commissione Ambiente di @Montecitorio: “Serve una struttura sta…

RT @MunicipiSF: E' pronto il programma dell' INFODAY sul Bondo AICS di Cooperazione allo Sviluppo rivolto agli Enti Territoriali. Ne discut…
Follow ANCI on Twitter

Amministrazione Trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.