A- A A+
Notizie

allertameteoLa presidente Pavanello aggiunge: vicinanza a Venezia e la sua comunità, il Veneto  faccia squadra per una citta’ che è patrimonio dell’umanità

“Quello che sta accadendo in queste ore in Veneto sta mettendo in ginocchio diversi territori come Venezia ed il litorale, Chioggia ed il Delta del Po e devo dire grazie a tutti i sindaci che, come sempre, sono in prima linea. Un grazie speciale al Presidente Mattarella che ha fatto sentire immediatamente la sua vicinanza. Certamente la situazione di Venezia lascia senza parole per questo Anci Veneto vuole manifestare la sua vicinanza al sindaco e a tutti i cittadini che stanno vivendo ore complicate, ma soprattutto ai famigliari delle vittime che hanno perso la vita a causa  dell’ondata di acqua alta. Mi auguro che non si scateni la bagarre politica con la ricerca di strumentalizzare questo momento di difficoltà, ma piuttosto che tutte le istituzioni e tutte le forze politiche lavorino per aiutare Venezia che è un patrimonio dell’umanità”.

Così la presidente di Anci Veneto esprime la sua vicinanza al sindaco ed alla città di Venezia.

“Naturalmente la vicinanza di Anci Veneto va a tutti i sindaci dei Comuni colpiti. Questa ondata di maltempo rischia di mettere in difficoltà diversi territori ed anche le attività economiche di quest’ultimi. I numeri dell’acqua alta di Venezia ci dicono che è un fenomeno record e naturalmente questo crea delle difficoltà di gestione e soprattutto genera effetti incontrollabili. Da sindaco dico che è davvero difficile gestire una situazione di una così grande portata. Per questo il sindaco e la città non vanno lasciati soli, ma serve immediatamente che venga accolta la richiesta di stato di crisi. Naturalmente quello che sta accadendo ci dice  che la conclusione del Mose non è un’opzione, ma una necessità per questo lo sblocco dei fondi per l’opera sono più che mai urgenti come la nomina di un commissario che mandi avanti la macchina amministrativa”.

Questa ondata di maltempo lascerà danni e richiederà interventi importanti. Per questo l’attenzione non deve calare nei prossimi giorni perché il difficile per i sindaci inizia con la manutenzione e la messa in sicurezza dei territori. Come spesso accade finito il maltempo i riflettori si spengono, ma non deve succedere perché i sindaci non vanno abbandonati in una situazione così  delicata”.

“In questi anni il Veneto e soprattutto i Comuni sono stati messi in ginocchio dal maltempo. Non si può dimenticare quanto accaduto l’anno scorso nel bellunese, ma i sindaci hanno sempre dato una grande risposta restando vicino alla comunità e affrontando le emergenze con responsabilità e sempre in prima linea. E sono certa che accadrà questa volta. Il Veneto deve fare squadra, con tutti i suoi soggetti dalle istituzioni all’economia, per aiutare Venezia che non va lasciata sola”.

MariaRosaPavanello

"La mia solidarietà piena e totale al Presidente Zaia ed ai quattro consiglieri comunali, vittime di un attacco vergognoso che lascia senza parole per la violenza. Si tratta di episodi che vanno condannati senza alcuna esitazione, perché inquinano il clima richiamando una stagione che ha lasciato ferite profonde in questo Paese".

Con queste parole la presidente di Anci Veneto Maria Rosa Pavanello e il consiglio di presidenza condannano le minacce indirizzate al presidente della Regione del Veneto e a 4 consiglieri comunali.

"Questi episodi fanno male e rischiano di dare un segnale negativo allontanando l'impegno civico dei cittadini. Per questo mi auguro che la magistratura individui in tempi rapidi i colpevoli di un episodio vergognoso che nulla ha a che fare con la nostra democrazia".

"Ci tengo -conclude Pavanello- a manifestare non solo la mia vicinanza istituzionale a Zaia ed ai consiglieri di Conegliano, ma anche e soprattutto quella umana. Noi amministratori locali siamo in prima linea e questi attacchi feriscono per la loro gravità soprattutto chi vive quotidianamente il rapporto con i cittadini. Sono certo, però, che non fermeranno Zaia e i consiglieri, pronti ad andare avanti".

sindaciI Sindaci lanciano un appello alle Istituzioni, alle categorie produttive, alle forze sociali, a tutti i cittadini perché venga riconosciuta, nell’interesse generale, la piena dignità istituzionale del ruolo delle Autonomie Locali – Comuni, Province e Città Metropolitane -  e dei loro Amministratori, nel pieno rispetto della Costituzione, in buona parte disapplicata.

"Noi Sindaci non chiediamo un libro dei sogni, ma semplicemente strumenti per governare che ci permettano di decidere.  Vogliamo essere a fianco di imprese, associazioni e cittadini e non essere per loro un freno. Siamo pronti ad elaborare proposte di legge semplici e coerenti con i punti sopra esposti. Siamo interlocutori istituzionali affidabili: per questo chiediamo l’integrazione della Commissione parlamentare per le questioni regionali con i rappresentanti di Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni, come sede di raccordo parlamentare tra tutte le istituzioni costitutive della Repubblica, in attuazione dall’articolo 11 della Legge Costituzionale 3/2001.
Vogliamo semplicemente poter svolgere fino in fondo il ruolo che ci hanno affidato la Costituzione e il mandato dei cittadini che ci hanno eletto."

 

Consulta il manifesto completo in allegato:

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Manifesto Sindaci.pdf)Manifesto Sindaci.pdf 149 kB

slotmachine“I sindaci con l’Anci Veneto sono sempre stati in prima linea nella lotta alla “ludopatia” -così la presidente di Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello, commenta la nuova legge approvata in consiglio regionale-. Lo testimoniano le ordinanze per limitare gli orari delle sale slot, emesse già da tempo in numerosi Comuni. Questa legge sicuramente rinforza le azioni delle amministrazioni come ha giustamente riconosciuto l’assessore Manuela Lanzarin con l’obiettivo di rendere ancora più incisiva la lotta alla “ludopatia”. 

“Su questo tema ci sono sempre state molte polemiche. I sindaci, come spesso succede, sono stati gli unici a mettere in campo azioni concrete per contrastare un fenomeno che crea dei veri e propri disagi all’interno delle comunità. Infatti non bisogna dimenticare che il fenomeno della ludopatia colpisce le persone e in molti situazioni mette in difficoltà intere famiglie. La legge della Regione è sicuramente un segnale importante e riconosce anche il lavoro fatto dai sindaci in questi anni oltre che cercare di rendere omogenee le limitazioni”. 

 “In ogni caso la lotta al fenomeno della “ludopatia” non si vince solo con delle leggi. Ma anche attraverso azioni di sensibilizzazione e di prevenzione sui rischi del gioco. È fondamentale, quindi, mantenere alta l’attenzione su un tema tanto importante e delicato e su questo i sindaci e l’Anci Veneto, in particolare, non farà mancare il proprio impegno”.

mod231ATTENZIONE:

spiace comunicare che, per esigenze organizzative, l’evento di domani 7 novembre 2019 su “IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX. D.LGS. N. 231” è stato RINVIATO.

Il corso viene spostato a giovedì 23 gennaio 2020, sede e orari invariati.

 

Le iscrizioni verranno riaperte nei prossimi giorni, tornate sulla pagina dedicata al corso per effettuare l'adesione alla nuova data.

ANCI VENETO

Presidente: Maria Rosa Pavanello
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


Ogni Comune d'Italia è una sfida diversa, ogni sindaco d'Italia la accetta ogni giorno: incontriamoci alla XXXVI As… https://t.co/vABDfOUWyk

"E' necessario superare il blocco delle graduatorie consentendo ai Comuni di utilizzarle pienamente anche mediante… https://t.co/1feLGnK2vM
Follow ANCI on Twitter

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.