A- A A+
Notizie

1581873918 defc8079 ed93 4c76 9068 a4eb5d78a0dfA nome dei Comuni Veneti, di tutto il Direttivo, del Consiglio, dei Vicepresidenti, del Presidente e del Direttore esprimiamo la nostra commossa partecipazione per la prematura scomparsa del caro Fabrizio Matteucci.

Siamo vicini alla famiglia e a tutta l'Anci Emilia Romagna.

dipendenticomunaliIl presidente di Anci Veneto, Mario Conte, torna sul tema del personale, un'assoluta priorità per i sindaci del Veneto. “La nostra attenzione su questo fronte rimane alta. I Comuni del Veneto sono virtuosi e lo dicono i numeri: il rapporto tra popolazione e personale nelle nostre amministrazioni è tra i più bassi d’Italia, con 5,07 dipendenti ogni mille abitanti. Ci sono Regioni, invece, in cui si sforano gli 11 dipendenti ogni mille abitanti. È evidente che i criteri del personale non possono penalizzare i Comuni del Veneto ed i sindaci che hanno bisogno di assumere. Anci Veneto si è mossa immediatamente segnalando le criticità e le storture di un provvedimento che penalizza i comuni virtuosi. Se non saranno modificati i criteri siamo pronti a battere i pugni sul tavolo come fatto con il Fondo di Solidarietà, per trovare una soluzione condivisa ma che non penalizzi chi ha i conti in ordine ed amministra senza sprecare un euro”.

Dal 2010, per effetto della spending review, si calcola che i Comuni hanno perso circa 80mila dipendenti, pari al 20 per cento del totale, andati in pensione e non rimpiazzati. Lo scorso 11 dicembre è stato dato il via libera in Conferenza Stato-Città al decreto attuativo sulla nuova disciplina delle assunzioni dei Comuni a tempo indeterminato, da considerare in aggiunta alla sostituzione del personale che va in pensione. La bozza ed i criteri individuati, però, come immediatamente sottolineato dall’Anci Veneto, contengono criticità che rischiano di non risolvere la situazione. Lo ribadisce lo stesso presidente Conte: “In alcuni casi i sindaci sarebbero costretti paradossalmente a ridurre la dotazione organica e non ad assumere, come emerso dal monitoraggio effettuato dalla struttura tecnica di Anci Veneto”. Questo, perché la proposta del Governo determina i valori soglia della spesa del personale in rapporto alla media degli accertamenti di competenza, riferiti alle entrate correnti relative agli ultimi tre rendiconti approvati. Il problema di tale criterio è che non tiene conto di realtà, come quella del Veneto, nelle quali servizi fondamentali come la gestione dei rifiuti urbani, in ottemperanza alle previsioni normative, già da anni vengono svolte in forma associata, attraverso gli ambiti ottimali e i consigli di bacino, che si occupano anche della riscossione e gestione delle relative tariffe. Ne consegue che nei bilanci dei nostri Comuni, a differenza di gran parte del resto d'Italia, non figura la TARI tra le entrate correnti. E, naturalmente, non figura tra le spese correnti il servizio di igiene urbana. Il risultato è un rapporto evidentemente iniquo per la determinazione della soglia della spesa del personale.

Non si tiene altresì conto della gestione di altri servizi tramite soggetti pubblici che si occupano anche della riscossione diretta, per conto dei Comuni, delle tariffe e dei proventi di carattere tributario e non. Neppure questi servizi non vengono contabilizzati tra le entrate correnti (né la relativa spesa tra quelle correnti) del Comune, ma trovano riscontro nella contabilità del soggetto gestore, sottoposto a controllo pubblico.

La bozza di DPCM trascura di considerare altri parametri di virtuosità, quali il rapporto dipendenti/popolazione o la spesa media pro capite (in Veneto la spesa media pro capite è pari a circa 130 euro su una media nazionale di circa 153 euro).

“Queste sono ore decisive per eventuali modifiche dei criteri del superamento del turnover. In queste settimane –conclude Conte- abbiamo lavorato con Anci Nazionale e siamo in costante contatto con il presidente dell'Anci nazionale Antonio Decaro. Siamo fiduciosi che una soluzione possa essere trovata. In caso contrario, faremo sentire la voce degli amministratori comunali del Veneto per un tema con un impatto diretto sull’efficienza delle amministrazioni: consente di migliorare servizi e velocizzare la burocrazia con benefici non solo per i cittadini, ma anche per le imprese”.

mediciA seguito delle riunioni del Comitato Operativo di Protezione Civile, a cui l’Anci ha partecipato in qualità di componente del Servizio, sono state diramate in data odierna dal ministero della Salute le indicazioni per gli operatori dei servizi/esercizi a contatto con il pubblico, con la quale sono forniti i chiarimenti circa i comportamenti da tenersi da parte degli operatori che, per ragioni lavorative, vengono a contatto con il pubblico, che fanno seguito alle Indicazioni diramate lo scorso 1 febbraio per le scuole. Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina dedicata del ministero della Salute.

Fonte: http://www.anci.it/la-circolare-del-ministero-della-salute-e-le-indicazione-agli-operatori-a-contatto-con-il-pubblico/

scuolaNon un semplice documento, ma una vera e propria alleanza per il diritto allo studio. E' quanto prevede il protocollo d'Intesa firmato il 21 gennaio tra Anci e Miur, che vuole trasformarsi nello specifico in una sinergia continuata nel tempo.

Si tratta infatti di superare le disparità sul territorio nazionale, con un'azione capillare che garantisca pari opportunità a tutti. Gli ambiti di intervento sono tanti. Come i progetti sperimentali come quello di ‘Scuole aperte’. Oppure nella promozione delle mense scolastiche come luogo di educazione e di formazione, anche per diffondere tra i più piccoli abitudini alimentari sane e corrette. O, ancora, la sensibilizzazione su bullismo e cyberbullismo.

Un obiettivo ambizioso, ma da perseguire perché al centro c'è il futuro rappresentato dagli scolari e dagli studenti. 

centroTrevisoLa salvaguardia dei centri storici è un tema fondamentale nel futuro di una città. E non solo per la bellezza di certe piazze o per le attività commerciali di per sé, ma perché sono il cuore pulsante della vita cittadina. In alcuni Comuni come Treviso si è pensato a un manager con compiti ad hoc.

La sua principale funzione dovrebbe essere quella di suddividere il centro cittadino in aree commerciali tematiche, in termini amministrativi operare la "zonizzazione". Più nel dettaglio, si tratta di guidare l'apertura di nuovi negozi: che attività è meglio aprire, dove in che modo, come rapportarsi con le categorie, etc; magari, con il supporto di ricerche di mercato e partendo dalle esperienze fallite.

Questa figura, da scegliere mediante concorso pubblico tra professionisti d'alta qualifica, non dovrà agire da solo, ma interfacciarsi con le stesse categorie produttive. L'obiettivo finale, del resto, è molto ambizioso: partire dalla zonizzazione del centro per puntare alla riqualificazione generale.

ANCI VENETO

Presidente: Mario Conte
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


RT @MinLavoro: .@CatalfoNunzia: Domani sarà approvato il Piano triennale di contrasto a #caporalato. Sul tema il Ministero è impegnato da t…

RT @AnciLiguria: ❗️ @Montecitorio ha votato la fiducia al decreto " #Milleproroghe": la sintesi @comuni_anci delle novità di interesse dei #…
Follow ANCI on Twitter

Amministrazione Trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.